lunedì 26 dicembre 2016

PENSIERI DIVERTENTI SUL NATALE


E cosi'  dopo le corse dell ultimo minuto, si perche' anche io,  nonostante   pianifichi  preventivamente, gli ultimi corro ....per le consegne.
C'e' chi corre agli acquisti io per le consegne.
 Pianificazione preventiva significa che a meta'  novembre inizio a controllare la lista dei regali dello scorso anno, per evitare spiacevoli inconvenienti, dopodiche' mi attivo per decidere cosa regalare e scatta operazione farsi venire  l'idea per i regali.

Essendo una creativa, il regalo per me non  andare nel negozio o cercarlo on line, ma rigorosamente farlo home-made, ove e' possibile.
Chiaramente ai bambini e qualche altro conoscente, preferisco l'acquisto pronto.
Poi arrivano le giornate dedicate alla scelta, al recupero dei materiali, a come fare un bel packaging...poi si parte.

Nei prossimi post vi parlero' dell'idea per questo NATALE.

In famiglia, quest'anno ho evitato la scenetta  del bicchiere di latte con i biscotti sul camino per Babbo Natale ( che nel corso degli anni si era trasformato in un bicchiere di prosecco). Quest'anno  la nostra bambina ha capito che babbo natale era mamma e papa'.
 Capito sì, ma siccome  le ho spiegato che e' bello a credere a cio a cui  si vuole credere, che la magia esiste, quindi che anche babbo natale c'e'.....(tutto cio' era nato per ampliare i suoi orizzonti mentali), poi alla fine si e' ripercosso su di noi , perche' volendo crederci  ha aspettato anche il suo regalo.

Cosi' uno dopo l'altro anche la Vigilia, il Natale, il giorno di santo Stefano sono ormai passati.

Ogni tanto guardo le previsioni del tempo, con la speranza che nevichi. Come tutte le mattine in cui il termometro dell'auto segna sotto zero e mia figlia dice....ALLORA NEVICHERA' !!!
Ma perche non nevica piu' per Natale ?  Un po di neve aumenterebbe la magica atmosfera di questi giorni, anche se in citta' e' sicuramente un disagio.
 E cosi', dopo pranzi cene, e pranzi ancora....oggi sara'  un giorno di meritato e forzato relax.      Forzato perche' questo e' il periodo dell'influenza e pare che abbia colpito la nostra piccola.

Camino acceso, giocare a Monopoli, e verificare lo stato avanzamento della febbre, oggi saranno le mie attivita' primarie.

Mi aspetta un'altra notte dall' esito incerto.
Sul comodino sono scomparsi  tutti i soprammobili e magicamente sono apparsi  nebulizzatori  di acqua di mare, termometri (due non si sa' mai), bacinella anti vomito, scatole di cleenex, acqua da bere, gocce di ribes nigrum conto la tosse .....

Considerando che nel lettone , per il bene della famiglia,  questa sera non potremo stare....forse la cameretta si trasformera' in un  campeggio e faro' finta di fare un pigiama party !!!
Anche questo e' Natale !
Auguri a tutti .
Cloodreams

sabato 17 dicembre 2016

UN BELLISSIMO REGALO DI NATALE




Un inaspettato regalo di Natale !  Traguardo delle 40.000 visite abbondantemente superato.
Grazie a tutti coloro che in questi ultimi 10 giorni hanno visitato il mio blog. Siete stati VERAMENTE TANTI e in tutti gli stati del mondo .
Tutto cio' mi rende veramente felice ed orgogliosa di me stessa.
Nuovamente Buone Feste, ovunque voi siate.
Cloodreams

martedì 6 dicembre 2016

BUONE FESTE e GRAZIE





37.000 ....felicissima che in tanti abbiate visitato il mio Blog !

Un'altro anno e' passato. Tutti pronti per un nuovo inizio. Tante idee, tanti progetti e tanti sogni.
Sognare aiuta a sentirsi vivi, sognare aiuta a ritagliarsi un nostro, anche se piccolo, spazio.
Grazie di cuore, a presto . Clood

lunedì 7 novembre 2016

PRENDIAMOCI DEL TEMPO




Avrei voluto postare un video, prima o poi lo faro'. 
Momenti di pausa, non importa la loro durata, ma l'importante è ricordare di "prenderseli". 
Una settimana ricca di impegni, durante la quale mi sono sentita multitasking. 


Poi arriva un inaspettato sole. 
La famiglia già sistemata nel senso che il pranzo l'avevo già preparato...
E così, alla prima coccola di un bagno caldo, aggiungo il piacere di pranzare all'aperto. 
Guacamole fresco, la mia ultima passione, due fette del mio pane tostato, acqua ed un frutto. Ogni boccone è piacere puro . 
Chiudo gli occhi, il sole mi scalda. 
Aria fesca entra nelle mie narici.


Con la mente potrei essere ovunque.....e così penso di essere al mare d'inverno, in alta montagna circondata dalla neve, o piu semplicemente penso a quanto sono fortunata nella vita, alla mia famiglia, al nostro nido, ai miei angoli segreti in giardino.
 Qualche insetto ,attratto dal cibo, ronza intorno a me' (chissà chi sarà.....), solitari cinguettii di merli che mangiano gli ultimi acini d'uva rimasti sulla vite.
 Le foglie vibrano al vento e dolcemente cadono, si sente un debole suono. 
Un bel sospiro....ma quanto sto bene al mondo ,(come dice qualcuno ). 
Ho voluto condividere questo momento, che non é durato più di dieci minuti, ma mi ha caricato di energia positiva. 
Buona vita a tutti !

sabato 22 ottobre 2016

AUTUNNO E RICORDI PASSATI




  • Nell'aria il profumo di campagna al mattino.

  •  Aria fresca che entra dai finestrini dell'auto.

  • Sottofondo musicale  di Kaith Jarret nel famoso concerto di Koln. 

  • Il suono del pianoforte mi fa far pace con me stessa.....

  • Un magico momento.

  • Alla mente riaffiorano bei pensieri della mia infanzia, quando con il mio papa' seduta sulla "canna" della sua  bicicletta percorrevamo  le stesse strade. Periferia di  Modena, Cognento. Insieme  raccoglievamo i "radicin" come li chiamava lui, piccoli e teneri radicchi selvatici.

  •  E così, oggi , un semplice tragitto verso la piscina diventa un viaggio nel tempo. 

  • Tempo che scappa, che non abbiamo, che desideriamo. 

  • Allora oggi io me lo prendo....decido di pensarmi, di godermi la mattina, di prendermi la medicina della salute e vado a nuotare. 

  • Lungo la strada filari di vite vestita d'autunno, attraggono la mia attenzione, mi fermo, li fotografo. 

  • Poi, mi accorgo che lì accanto c'è una strada dove sorge un B&B che vorrei aver il piacere di vedere.....quando gli intrecci della vita ti sorprendono. 

  • Tutto ciò mi riempie di tranquillità e mi fa star bene. Clood







Mi piace

martedì 18 ottobre 2016

CROSTINO MELOGRANO CAPRINO






Quando una ricetta nasce cosi' per caso....
Autunno, stagione in cui matura un frutto secondo me meraviglioso, la melagrana.  L'albero da cui tutti gli anni raccolgo queste stupende melagrane e' per la nostra famiglia molto importante. Infatti e' stato piantato in occasione della nascita di nostra figlia.


Le proprieta' della melagrana piu' rinomate sono quelle antitumorali: grazie all'alto contenuto di tannini e polifenoli, questo frutto svolge una potente azione contro i tumori, riducendo i radicali liberi. Altre ed  innumerevoli sono le sue proprieta' ,che potrete approfondire .

Osservate attentamente questo frutto ...i chicchi sembrano dei piccoli rubini , sapientemente incastonati all'interno delle varie cellette....





Torniamo alla ricetta. Avevo pranzato con verdure fresche colorate , un caprino fresco e come fine pranzo avevo sgranato una melagrana.  L'insalata era abbondante quindi non c'era spazio per il caprino. Uno sguardo al caprino, ai chicchi della melagrana, alla fetta di pane che precedentemente avevo tostato......ed ecco l'idea. Ma non sempre le mie idee risultano vincenti, quindi ho unito un cucchiaio di chicchi ad un cucchiaio di caprino fresco ed ho assemblato gli ingredienti per la degustazione ufficiale.


Ingredienti:
(dosi per due crostini piccoli)
1 cucchiaio di melagrana sgranata
1 cucchiaio di formaggio caprino
una fetta di pane multicereali
olio evo
pepe

Esecuzione:
Per la base io ho utilizzato il pane che produco con il lievito madre. Questa settimana ho fatto una nuova ricetta con frina di grano saraceno, grano integrale, semola, semi di papavero, semi di zucca e semi di sesamo....ottimo ! Procuratevi un pane ai multi-cereali, affettatelo e fatelo leggermente tostare in modo che i semi prendano sapore. 
Tagliate poi dei piccoli pezzettini della forma che preferite e cospargeteli con alcune gocce di olio evo. 
Amalgamate il caprino con i chicchi della melagrana, regolate con pepe macinato fresco e spalmatelo sul crostino.

Siccome la mia precisione spesso e' maniacale, ho preparato il tutto come se avessi ospiti. Un bel piattino antico ed un calice di  Prosecco di Valdobbiadene extra dry, servito rigorosamente ghiacciato, che a casa nostra non manca mai.  
Devo dirvi che nonostante fossero ormai le 15:00  l'ho trovato veramente squisito. 
Si puo' considerare come un finger food, di facile preparazione  e servirlo magari su un bel  piatto antico .
Buon appetito !
PS.: Navigando in rete, ho scoperto che questa idea gia' qualcuno l'aveva avuta, ma nulla importa perche' io so che e' nata nella mia mente in completa autonomia. 


sabato 8 ottobre 2016

ALOE CHE DIVENTA GEL




Alcuni anni fa acquistai una piccola pianta di aloe. Ormai sono tascorsi diversi anni ed ha raggiunto la sua maturazione, quindi ho pensato di produrre il famoso gel di Aloe Vera.
  Io utilizzo questo gel che ho ottenuto, spalmandomelo   su tutto il corpo, viso compreso, come lenitivo ed idratante.  Di seguito vi sintetizzero' alcune delle sue proprieta'. Non ho mai pensato di utilizzarlo come integratore alimentare diretto in quanto non dispongo di conocenze sufficienti per farlo in totale sicurezza. Un conisglio....prima di stenderlo copiosamente sul corpo provate sempre  con una piccola quantita' in una zona secondaria del vostro corpo. Se non noterete nessuna reazione particolare, allora procedete, ma sempre in modo consapevole ed attento.




Questa e' la foto della pianta poco dopo la messa a dimora. Durante l'inverno occorrera' ripararla dal freddo in quanto pianta delicata ed originaria di paesi caldi.

INGREDIENTI:
foglia di aloe
coletellino affilato
cucchiaino
frullatore
vasetto ermetico


ESECUZIONE:
 tagliare una foglia tra quelle piu' esterne in quanto piu' carnose. Lavarla ed asciugarla. Con un coltellino affilato tagliare la sommita' e i due bordi laterali. 
Durante questa operazione noterete uscire un liquido giallastro. 
Si tratta di una sostanza Aloina dal forte potere lassativo. 
Tagliate una parte della buccia. Con un cucchiaino togliere l'interno. Questo si presentera' in modo compatto e visivamente sara' gelatinoso e semi trasparente. 
 Il suo odore e' molto particolare, ricorda vagamente  il profumo della cipolla.


Frullate a bassa velocita' il gel in modo che diventi piu' facilmente spalmabile. L'aspetto di cio' che avrete ottenuto e' diverso da quello che troverete un commercio, risultera' essere piu' vischioso e con qualche particella piu' grossa all'interno.


 Il composto cosi' ottenuto andra' tenuto in frigo e si conservera' per alcuni giorni.
Le proprieta' idratanti  e nutrienti  sono ampiamente spiegate in rete. Vi scrivo sommariamente alcune di esse.
Il  contenuto di vitamine e di oligominerali presenti nella pianta stessa lo rendono idratante, lenitivo, nutriente  etc.  Stendendo  il gel di Aloe Vera, avrete la sensazione che sulla pelle si formi uno strato protettivo, quasi una pellicola. Questo  proteggera' la pelle  dagli agenti atmosferici e dall'inquinamento.  Volendo si puo' utilizzare anche per fare impacchi ai capelli.
Se avete la possibilita' di coltivare questa meravigliosa pianta.....fatelo !
Buon lavoro !!

giovedì 15 settembre 2016

34.000 VISITE





E' passato tanto tempo dall'ultima volta in cui ho scritto un post. Conb piacere vedo che nonostante cio' continuo a destarvi interesse e curiosita'.
GRAZIE ! 
 Cio' non significa che la mia mente non ha prodotto nulla o che la mia creativita' si e' spenta.....QUESTO MAI !!!
Semplicemente  la  quotidianita' della vita, mi ha  travolto  ed  impedito di rendere pubblico cio' che ho "prodotto".
L'arrivo dell'autunno, la stagione che insieme alla primavera prediligo, l'inizio delle scuole....spero mi permetta di continuare a pubblicare la mia quotidianita', le mie bolle di ossigeno, che tanto mi  fanno star bene.

mercoledì 20 luglio 2016

GIARDINO DI ALTRI TEMPI



E' trascorso tanto tempo da quando iniziai a cercarlo......poi alla fine ci sono riuscita !  Dire che sono soddisfatta e' poco !
Appena ho un momento libero mi rifugio nel mio angolo "da giardino segreto" cosi' mi piace chiamarlo. Un posto tutto mio dove trascorrere momenti di relax, immersa in una atmosfera rilassante, lontana da occhi indiscreti !
Ad aumentare la magia.... il tintinnio del mio acchiappa angeli, che suona al primo soffio di vento.
La collocazione era
 Ovviamente  sedie e tavolo erano da sistemare, ma questo non mi ha spaventato. Ad oggi lo sono ancora. Necessiteranno sicuramente di essere sabbiate e riverniciate, per ora le ho pulite e ritoccate con un po' di colore dove c'era ruggine.  Il tavolo era privo del vetro temperato di copertura, ma dopo un po' di girovagare per mercatini e di chiedere ad  amici l'ho trovato, ovviamente a costo zero.
 Le sedute , se pur comode, imploravano dei cuscini in tema.


I cuscini romantici li ho in parte trovati in un mercatino e gli altri me li ha regalati la mia amica Francesca perche' fondi di magazzino.


Al centro del tavolo, sotto al vetro , il tavolo presenta una base d'appoggio perfetta per una ciotola di vetro che avevo in casa. Un piccolo centrini all'uncinetto, alcuni minerali della mia collezione ed ecco un perfetto centro tavola che non intralcia  e che, se piove,  non si riempie d'acqua.

Ho piacevolmente scoperto che altri "componenti" della mia famiglia  espolorano questa zona. Ben presto trovero' la mia micetta Carina appallottolata su qualche sedia .
 L'angolo magico e' riparato dalle fronde degli alberi, tra la casetta e la zona barbeque.
Gli accessori che abbelliscono il mio angolo sono tutti in stile shabby - brocante. Di questi vi ho gia' parlato in altro post.

martedì 5 luglio 2016

ROSA DA NUOVA TALEA



Vi ricordate il post di Febbraio dove parlavo del mio futuro roseto?  Beh diciamo che sono abbastanza soddisfatta in quanto ben due rose hanno fiorito. Contrariamente a tutte le previsioni.....

Delle 50 piante che avevo messo a dimora, ahime' circa 20 si sono salvate !   Ben due pianate hanno avuto il "coraggio " di regalarmi ben tre rose.
Il colore purtroppo era lo stesso, cio' sta a significare che probabilmente anche il ceppo d'origine lo era,  una pianta forte e robusta.
Io pero' non mi arrendero' .....il prossimo autunno ci riprovero' .


martedì 19 aprile 2016

IL MIO "GIARDINO SEGRETO"


Il sole inizia a farsi tiepido, la natura intorno a noi si risveglia. Quando mi accomodero' nel mio angolo "DA GIARDINO SEGRETO" , all'ombra del fico, con le conchiglie che suonano al vento, circondata da oggetti che adoro, il mio spirito sara' pienamente appagato. Da piccola lessi diverse volte il libro: il giardino segreto, lo adoravo. Ora che sono grande mi sono creata un angolo "segreto" tutto mio (anche della mia piccola principessa)

Eccolo quasi pronto. In attesa di portare a casa il nuovo tavolo con le poltroncine  in ferro battuto da Biella, ho allestito il mio nuovo angolo da giardino segreto. Prima c'era una legnaia. Il pavimento l'ho realizzato utilizzando dei vecchi mattoni e pietre che avevo a casa. 

 Siccome lo sfondo con la rete metallica non mi piaceva ho recuperato dei pezzi di assi da muratore che giacevano da tempo  in un angolo, poi nel tentativo di fare un trasferimento di immagine fai da te', le ho decorate.


Un vecchio barbecue arrugginito e' diventato poi un porta vaso. A lui fa compagnia un porta legna con dei legni raccolti al mare .


Una cassetta da frutta, uno specchio vecchio, due bottiglie vuote da conserva, alcune padelle in alluminio per torte.



Tavolino recuperato in una vecchia cantina, piano d'appoggio ricavato con specchio circolare acquistato da un folle rigattiere, le rose del mio giardino, le sedie da bar truccate in stile romantico..... una meridiana in coccio che reclama di esser posizionata a nord, un secchio di zinco scovato nella soffitta della mia mamma, un coperchio circolare in pietra di un ex barbecue che sembra un totem...tutto questo e' il mio angolo segreto, dove poter leggere un libro, sorseggiare una bevanda e riposarsi ...


Un cassetto, non ricordo nemmeno dove l'ho trovato ....appoggiato sul muretto del barbecue in muratura che mio marito ha realizzato accanto. Un minerale di calcite preso in Croazia nell'isola di Sali, durante una splendida vacanza alla Robinson Crusoe nel parco della Telašćica con Massimo e la Franca......che nostaligia !!


venerdì 25 marzo 2016

ECCO IL MIO MEDIA KIT


Eccolo ....il mio biglietto da visita digitale . Frutto di ore rubate al sonno come successe quando decisi di crearmi da zero questo blog. Tanta fatica per una non addetta ai lavori, ma tanta soddisfazione, come sempre !!

lunedì 21 marzo 2016

30.000 VISITE


Profumi di violette nell'aria, cinguettii di uccellini echeggiano intorno a me, tutto si risveglia forte e potente come non mai.  Felicita' in me quando mi accorgo che, nonostante i tanti impegni mi allontanino un po' da voi che mi seguite, siete diventati tanti, grazie, il mio cuore e' pieno di gioia.

mercoledì 2 marzo 2016

TABLEAU MARIAGE E SEGNAPOSTO



Tema principe di questo matrimonio sono stati i fiori.



E cosa c'e' di piu' delicato di un fiore dipinto ad acquarello.
Il tableau e' stato realizzato su base legno rivestita in tela di lino. Ad essa applicate forme di juta grezza e cartoline in cartoncino per acquarello.
Lo stesso fiore e' stato dipinto con toni molto sfumati sul tableu e con toni carichi sul segna tavolo.
Sul tableau i nomi degli invitati sono stati dipinti con pennello.
 Ogni tavolo aveva un nome di fiore.



Il supporto che reggeva l'acquarello e' stato realizzato con legno  raccolto in riva al mare su base in cartone rivestita in juta.



Il segnaposto e'  doppio, cioe' visibile da entrambi i lati e sul retro dell'acquarello e' stata scritta a pennello, una frase in ricordo di quel giorno.
Maggio 2010




giovedì 25 febbraio 2016

DA GRANDE SARO ' UN ROSETO DI 50 ROSE


Tutto ebbe inizio durante le passeggiate estive dello scorso anno. ....

Camminando in giro per il mio quartiere ed ovunque mi capitasse, mi portavo sempre in borsa  un libricino dove annotavo il luogo ed il colore della rosa. 
Poi in autunno ho messo in borsa un paio di forbici da giardiniere e ripercorrendo la mappa, sono passata all'opera. Vicini di casa, conoscenti, rose che sbucavano da giardini incustoditi etc. erano le mie prede preferite... Zac , un netto taglio obliquo subito sopra un biforcazione ed il gioco era fatto. Tutto si e' svolto nel mese di Novembre, ed ogni volta che rientravo con un bottino, dopo aver applicato ad ogni talea il nome del proprietario o il luogo o  il colore della rosa, provvedevo immediatamente ad interrare il pezzetto di pianta. 

Adoro le rose, amo reciderne i fiori e tenerne sempre un paio accanto alle mie tazze antiche , il loro profumo mi evoca ricordi di quando ero bambina. 
E' cosi' ho iniziato a creare dei mini roseti sparsi qua e la nel mio giardino. Alcune talee le ho messe a dimora in alcuni vasi in attesa di creare un angolo romantico nel mio giardino (quando mio marito mi eliminera' una legnaia sorta in un luogo sbagliato.

Ho contato quante talee ho piantato, e casualmente sono 50 come i miei anni..... Rose rosse, gialle, rosa, violetto, variegate, bianche, arancioni  un po' di tutti i colori. 
In questi giorni di inverno mite, vagando nel mio  giardino, mi sono accorta che quasi tutte le talee hanno attecchito.....piccole timide gemme, piccoli rametti con foglioline tenere e  verdine ....ora non so se fioriranno da subito il primo anno, ma spero proprio di si.....non vedo l'ora !!!
Sono persino riuscita a far attecchire alcune talee di una ultracinquantenne rosa a cespuglio di colore arancione che gia' avevo e che accusava  i segni dell'eta'.
Il gusto di creare qualche cosa da sola, senza aver comprato direttamente le piante, ma scegliendole personalmente ! Una bella soddisfazione

mercoledì 10 febbraio 2016

LAVORI IN CORSO....ALL WHITE SOFT











Da diversi anni ho in mente di rivoluzionare una zona cucina di servizio della mia casa. Ho iniziato circa 7 anni fa rinnovando dei vecchi mobili in formica ( leggere post COME RINNOVARE MOBILI VINTAGE) ma avevo lasciato in sospeso diverse cose.....
Partiamo da tutti i certi, cestini, sotto pentole in vimini, foglie di mais o altro . Il tempo li aveva  sicuramente rovinati quindi ho provveduto a colorarli tutti dal bianco al color avorio e devo dire che il loro aspetto e' decisamente migliorato.  Poi sono passata a colorare anche dei lampadari in rafia (leggere post LAMPADARI FAI DA TE) che erano color neutro ed ora sono diventati color avorio.



PRIMA                                                 DOPO

Ma vogliamo  parlare della sedia in SALICE a forma di uovo  anni 50, recuperata in accanto ad un cassonetto ,ma in perfetto stato ? ) Ora anche lei e' color chiaro con gambe in grigio antracite.  Le sedie della cucina con  struttura in bamboo avevano la seduta in foglie di banano veramente irrecuperabili, nel senso che erano macchiate anche se pulite...quindi anche loro ....bianco burro.... una meraviglia !!
Vogliamo poi parlare del perlinato anni 70 che riveste gran parte delle pareti ?  Gia' il soffitto in questo ambiente non e' alto, poi il legno alle pareti rende buio e piccolo un ambiente che piccolo non e'. Quindi dopo aver ricevuto il benestare di mio marito, ho iniziato i lavori.  Tanto tempo e tanta pazienza, perche' prima si deve liberare il tutto poi provvedere a pulire bene il legno, sgrassarlo da anni di vapori.

 Una parte l'ho gia' fatta, era una prova , ma speravo che diventasse l'inizio, e cosi' e' stato. L'ambiente ha acquistato tanto tanto. Otticamente sembra grande il doppio. Contemporaneamente sto colorando anche un vecchio tavolo dei miei Suoceri che era in legno e formica. Per questo uso uno smalto epossidico bicomponente in quanto piu' resistente rispetto all'acrilico.  Non vedo l'ora di aver finito il tutto.  Per ultima cosa mi rimarranno le parteti (rigorosamente color avorio pallido e le porte stesso colore). Appena terminato il tutto vi faro' vedere il prima e dopo . Sono molto contenta !  In futuro mi piacerebbe passare anche alla taverna che attualmente e' tutta in legno in stile rustico, ma non so se avro' il coraggio e l'ok del capo famiglia, intanto mi accontento . La mia cucina e' diventata unica nel suo stile, ha carattere, esprime l'essenza delle persone che vivono in essa.